Come migliorare la memoria

Scritto da in data 23 Febbraio 2013
memoria

Come migliorare la memoria? Oggi vi proponiamo dei semplici esercizi per riuscire a capire come migliorare la memoria a breve termine e come migliorare la memoria a lungo termine.
Vedrete che con un po’ di lavoro, applicazione e pazienza riuscirete a sviluppare la vostra memoria in pochissimo tempo. Prima di partire vi consigliamo di leggere un nostro articolo relativo al funzionamento della memoria.

Una nozione, una volta che si è impressa, non viene mai dimenticata in senso assoluto: qualcosa di essa rimane sempre. Ma la facilità con cui potrà essere ricordata non è invece così automatica, in quanto dipende dalla profondità della traccia che ha lasciato, vale a dire dell’attenzione che le abbiamo prestato. Essere in grado di osservare con attenzione è dunque il primo segreto per assicurarsi una buona memoria. È anche possibile aumentare l’efficienza della memoria con una serie di semplici esercizi.
Vediamone in dettaglio qualcuno cercando di differenziarli per esercizi per memoria a breve termine e esercizi per memoria a lungo termine.

Come migliorare la memoria a breve termine

Esercizi per la memoria a breve termine

Sebbene il numero delle informazioni isolate che possiamo riprodurre di volta in volta rimanga limitato, è possibile migliorare la memoria a breve termine con qualche esercizio.

Eccone uno che potete attuare voi stessi servendovi solo di 10 rettangolini colorati e un po’ di pazienza.

esercizi memoria

Esercizi per migliorare la memoria a breve termine

Prendere un foglio di carta, disegnativi 10 rettangoli, disponeteli su due colonne che colorerete con tempere diverse. Partendo dall’alto, concentratevi su ogni coppia di colori per circa 10 secondi. Coprite ora la colonna di sinistra e, esaminando un rettangolo la volta sulla colonna destra, cercate di ricordare il colore corrispondente. Ripetere il test dopo mezz’ora. Dopo averlo eseguito alcune volte, dovreste essere in grado di ricordare tutti colori della serie.

Come migliorare la memoria a lungo termine

Esercizi per la memoria a lungo termine

Esistono diversi espedienti per aumentare la memoria lungo termine, tutti basati sull’idea di associare il materiale da ricordare con altro materiale a voi già familiare, oppure di riorganizzarlo in unità più ampie che abbiamo comunque un senso.
Se avete una memoria prevalentemente visiva potete ricorrere ad associazioni visive: per esempio, per ricordare il nome di una serie di oggetti, immaginatevi di disporli ciascuno in una stanza diversa della casa. Quindi chiudete gli occhi e rievocateli ripercorrendo nell’immaginazione le varie stanze dove “vedrete” via via gli oggetti della serie.

Un altro esercizio che serve a esercitare la memoria a lungo termine consiste nell’osservare, per qualche minuto, due disegni apparentemente uguali (perché in uno mancano dei particolari) e di coprirli subito dopo. A questo punto dovete elencare il numero dei particolari mancanti.
Con l’esercizio le associazioni si moltiplicano spontaneamente, aumentando in tale modo l’efficienza della vostra memoria e, soprattutto, le capacità di  rievocazione.

L’esercizio che ora vi proponiamo è indicato in modo particolare per chi, entrato nella terza età, denuncia carenze di memoria. Non richiede sforzi, ma tanta pazienza, perché il fondamento essenziale è costituito dalle frequenti ripetizioni che potenziano la facoltà di ricordare e di ricondurre alla luce tutto ciò che è stato immagazzinato nella banca dati della memoria.
Scegliete un libro che vi piaccia e cominciate a impararne a memoria le prime righe. Il secondo giorno rileggete e ripetete queste righe, imparatene altre e ripetetele tutte. Il terzo giorno aggiungete un nuovo brano. E così di seguito, per un mese, imparando e aggiungendo sempre nuovi brani, e ripetendo poi tutto da principio. Trascorso un mese, è il momento di imparare ogni giorno un numero di righe doppio di quello precedente. Vi accorgerete che la fatica non è proporzionalmente doppia, ma è pressappoco uguale se non addirittura diminuita. Procedete ancora nei mesi che seguono, Triplicando il testo al terzo mese, quadruplicandolo al quarto e così via.
A un certo punto vi renderete perfettamente conto che la vostra memoria ha ripreso a funzionare regolarmente. Questo esercizio, dalle indicazioni piuttosto schematiche e generiche, ovviamente può essere modificato e adattato al vostro temperamento e, soprattutto, alle capacità di risposta della vostra memoria.

Leggi anche:
Come migliorare la memoria nello studio

Memoria anziani

Enrico Crocicchia

Scritto da Enrico Crocicchia

Laureato in design, comunicazione visiva e multimediale a La Sapienza di Roma. Mi occupo ormai da anni di SEO, Web marketing e Web analytics, grazie a queste discipline ho trasformato la mia grande passione in lavoro.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *