Come progettare un giardino

Scritto da in data 29 marzo 2016

Vi siete mai chiesti come fanno alcuni spazi verdi ad essere cosi armonici al punto tale da assomigliare quasi a quelli che si vedono nelle foto? Il segreto è tutto nella progettazione perché, anche se può sembrare strano, progettare un giardino è fondamentale tanto per i grandi spazi quanto per gli spazi molto piccoli.

Un ottimo esempio sono i balconi dove ogni singolo centimetro deve essere sfruttato in maniera adeguata. Per questo motivo vogliamo condividere con voi alcuni consigli per progettare un giardino nel migliore dei modi.

Un giardino ben progettato riesce ad integrarsi con il paesaggio circostante e a soddisfare le esigenze di chi lo vivrà. Quindi non si tratta solo una questione di gusti personali, che hanno comunque il loro peso, ma anche l’atmosfera generata e le zone di movimento devono essere prese in considerazione.

In generale quando si progetta un giardino sono molti gli aspetti da analizzare e, se non siete degli esperti è sempre meglio rivolgersi ad un professionista come può essere Tiziano Codiferro, giardiniere a Firenze che offre i suoi servizi sul sito codiferro.it. Ad ogni modo vi sarà comunque utile avere delle conoscenze di base, cosi anche da non trovarvi impreparati quando vi faranno la fatidica domanda: “cosa vorresti dal tuo giardino?”.

Collegandoci a questa domanda dobbiamo prendere in considerazione le sensazioni che volete ottenere trascorrendo del tempo nel vostro giardino. Per esempio preferite un giardino rilassante, magari perché pensate trascorrerci del tempo dopo una lunga giornata di lavoro, oppure preferite un giardino energizzante perché volete ricaricare le batterie?

Questa scelta influenza molto lo stile del giardino che di solito è di 2 tipologie: all’italiana e all’inglese. Nel primo caso si tratta di un giardino dal forte impatto e dove il calcolo matematico delle proporzioni riveste un ruolo importante. Al contrario un giardino all’inglese è più romantico e a volte sembra quasi “selvaggio”.

Tornando alla vostra prima scelta, l’elemento che influenza maggiormente le sensazioni generate dal giardino è il colore, e qui dobbiamo spendere più di qualche parola. Innanzitutto bisogna sapere che i colori caldi infondono energia mentre i colori freddi rilassano.

giardino

Ad ogni modo esistono alcune regole nell’uso dei colori che dovrete tenere in considerazione sia che stiate seguendo la strada del fai da te, sia che vi state rivolgendo ad un professionista. Prima di tutto evitate di usare troppi colori perché, se un giardino molto colorato è bello da vedere, è anche vero che l’eccesso porta ad una confusione che genera un effetto di fastidio.

Un altra regola da seguire è poi quella di affidarsi alla rosa dei colori (su Google immagini potete trovarne molte versioni) e scegliere i colori vicini fra loro (come giallo e verde) per creare armonia, mentre l’uso di colori opposti (come rosso e blu) è ottimo per creare contrasto e mettere in evidenza gli elementi più interessanti.

I colori influenzeranno, ovviamente, anche la scelta delle piante che devono essere comunque rapportate alla grandezza e alla forma dello spazio disponibile. Evitate quindi di usare alberi o siepi troppo grandi o troppo piccoli, perché l’armonia è un fattore estremamente importante insieme all’unità d’insieme.

Curare questi 2 aspetti è piuttosto semplice, infatti basta ripetere determinati elementi in più punti del giardino, evitare gli accostamenti netti e preferire i cambiamenti graduali.  Poi, sempre parlando della scelta delle piante, cercate di scegliere fiori che sbocciano nello stesso periodo, vi garantirà un effetto strabiliante.

Infine, quando progettate il vostro giardino prendete nota degli elementi già presenti cosi da sfruttarli a vostro vantaggio. Stiamo parlando sia di elementi fisici come rocce, alberi, corsi d’acqua e cosi via che elementi naturali come il vento e l’orientamento del sole. Se nel primo caso possono creare degli effetti in grado di colpire i vostri ospiti, gli elementi naturali possono compromettere il buono stato di salute di alcune piante del giardino se non ne tenete conto.

Scritto da Annarita Capua

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *