Come riparare il rubinetto

Scritto da in data 4 Febbraio 2013
come riparare il rubinetto

Come riparare il rubinetto? Ecco alcuni consigli per la riparazione del vostro rubinetto.
Anche il miglior rubinetto, dopo molto lavoro, comincia a gocciolare. Intervenire è semplice, a patto di conoscerne la struttura interna. Il gocciolio insistente, oltre a causare un certo fastidio, è fonte di danno per il lavandino o il lavabo e per il rubinetto stesso. Infatti, nell’acqua sono sempre presenti, anche se in misura diversa, sali minerali e altre sostanze che macchiano i sanitari quando il gocciolio persiste per lungo tempo. Inoltre se l’acqua è ricca di carbonato di calcio, il costante flusso attravero il rubinetto facilita la formazione, al suo interno, di piccoli ma resistentissimi depositi solidi che danneggiano ulteriormente l’apparato di chiusura del rubinetto.

Schema di funzionamento del rubinetto

Guardando l’immagine dello schema di funzionamento del rubinetto, nel modello di destra, di più moderna concezione, il tradizionale premistoppa è stato sostituito da un anello di gomma, che non richiede manutenzione e va sostituito solo in casi eccezionali. Il rubinetto classico è costituito da un corpo fisso che si monta sul sanitario, e da un corpo mobile avvitato all’interno del primo e sul quale è fissata la guarnizione.

riparazione rubinetto

Schema di funzionamento del rubinetto

Come riparare il rubinetto: il rubinetto perde acqua

Quando il rubinetto perde acqua la prima causa è la cattiva tenuta della guarnizione in gomma dura, il cui compito è quello di interrompere il flusso d’acqua quando si ruota la manopola del rubinetto.
Il logorio della guarnizione è un fatto normale, che si verifica proprio in seguito all’uso. Aprire e chiudere centinaia di volte un rubinetto provoca inevitabilmente l’usura della gomma. Si formeranno cosi screpolature e diminuzioni di spessore che col tempo lascieranno filtrare gocce d’acqua.

Come sostituire la guarnizione del rubinetto

Sostituire la guarnizione del rubinetto: quando è necessario e come intervenire per sostituire la guarnizione del rubinetto

La prima operazione che dovete compiere per sostituire la guarnizione del rubinetto è quella di chiudere la valvola centrale dell’acqua o il più vicino rubinetto di intercettazione. Togliendo così l’alimentazione idrica al rubinetto sul quale intendete lavorare.
Aprite il rubinetto da riparare e lasciate defluire l’acqua presente nel tubo.
[colored_box color=” green”]Otturate lo scarico in fondo al sanitario con uno straccio, in modo che se eventuali componenti vi sfugissero dalle mani non cadranno dentro le tubature.[/colored_box]

Come smontare il rubinetto

Ecco dei suggerimenti passo passo per capire come smonare il rubinetto in totale sicurezza.

manopola del rubinetto

Togliere il coperchio della manopola del rubinetto

Normalmente il corpo fisso è ricoperto dalla manopola che bisogna togliere. Per farlo è necessario raggiungere la vite che la blocca. Con un cacciavite si solleva il dischetto sulla sommità della manopola (in alcuni modelli vi è sopra riportata la lettera C o F o vi è un bollino rosso o blu). In alcuni modelli di rubinetto, il dischetto che copre la vite che blocca la manopola può essere avvitato.

svitare manopola

Svitare la manopola del rubinetto con un cacciavite

Tolto il coperchio, trovate la vite che fissa la manopola allo stelo del corpo mobile e allentatela.

estrazione manopola rubinetto

Estrarre la manopola del rubinetto

La manopola, secondo il modello, deve essere svitata o semplicemente estratta tirando verso l’alto: a volte questo non riesce a causa di piccolissime incrostazioni di calcare. In questo caso aiutatevi con una pinza dopo aver avvolto la manopola con un pezzo di stoffa onde evitare di rigarla.

togliere il ferro del rubinetto

Togliere il ferro che blocca il rubinetto

Se gli intagli del corpo mobile non sporgono abbastanza, si deve togliere il ferro che blocca il rubinetto avvitato sul corpo fisso.

smontare il corpo mobile

Smontare il corpo mobile con la chiave appropriata

Il corpo mobile deve essere svitato afferrandolo per gli appositi intagli con una chiave di apertura appropriata. Agire lentamente e senza forzare.

verificare la guarnizione

Verificare la guarnizione

Estraete il vitone dalla sede e verificate, se la guarnizione è in cattive condizioni sostituitela. Con una chiavetta, o una pinza, si svita il dado che blocca la guarnizione; in alcuni modelli si trova un bottoncino a pressione.

sostituzione guarnizione

Inserire la nuova guarnizione

Si inserisce la nuova guarnizione, quindi, si riavvita il piccolo dado di fermo stringendolo per bene, infine, si rimonta il tutto.

Facile no? Come avete letto smonatare il rubinetto non è un’operazione molto difficoltosa, e se il vero problema sta nella guarnizione, è possibile sostituirla da soli senza l’aiuto di nessun esperto.

Enrico Crocicchia

Scritto da Enrico Crocicchia

Laureato in design, comunicazione visiva e multimediale a La Sapienza di Roma. Mi occupo ormai da anni di SEO, Web marketing e Web analytics, grazie a queste discipline ho trasformato la mia grande passione in lavoro.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *