Come fare se si hanno i globuli bianchi alti?

Scritto da in data 26 luglio 2017
i globuli bianchi alti

Se si sono fatte delle analisi del sangue e si è scoperto di avere i globuli bianchi alti, uno dei consigli migliori è non sottovalutare il problema e rivolgersi al più presto al proprio medico di fiducia per valutare l’ipotesi interventiva migliore.

Una condizione di leucocitosi, infatti, è tutt’altro che inusuale, ma può essere spia di diversi disturbi, dai più semplici malanni di stagione a patologie decisamente più serie come malattie a carico del midollo osseo o del sistema immunitario.

Cause, rimedi e cure per i globuli bianchi alti

Senza nessuna pretesa di essere esaustivi, è importante ricordare qui che i globuli bianchi sono cellule deputate alla difesa del nostro organismo: per questo un loro improvviso innalzamento è sempre sintomo di un processo infettivo o infiammatorio in corso. Come si accennava, però, i globuli bianchi alti possono essere spia di tantissime cose diverse e non sempre indicano una condizione patologica.

Quello che non sempre si considera, infatti, è che anche l’attività fisica molto intensa per esempio o lo stress e la paura possono portare a un innalzamento improvviso della conta dei leucociti. Per questo, una volta che le analisi di laboratorio hanno rivelato un’anomalia nella normale concentrazione di queste cellule nel sangue, la cosa migliore da fare è rivolgersi a un medico che possa consigliare l’iter migliore da seguire. In genere, si tratta di ripetere gli esami del sangue, questa volta procedendo a una conta differenziale dei globuli bianchi: per semplificare ancora, infatti, ci sono varie tipologie di leucociti (neutrofiti, eosinofili, eccetera) e, a seconda che a risultare anormali siano i valori di una o dell’altra, si può ricondurre la leucocitosi a cause diverse.

Ovviamente, infatti, non esistono cure “per” i globuli bianchi alti: è fondamentale risalire a monte, accorgendosi in qualche caso che può trattarsi solo di una banale influenza o un’infezione seguita a una ferita anche piccola, e quindi valutare la terapia o il tipo d’intervento migliore di caso in caso. Per questo motivo rivolgersi a un medico generico o uno specialista è essenziale davanti a un verdetto di laboratorio che indica leucocitosi.

Scritto da Annarita Capua

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *