Come eliminare i brufoli: rimedi e trattamenti per curare l’acne

Scritto da in data 19 Febbraio 2013
brufoli

 Come eliminare i brufoli? Ecco 8 semplici consigli che vi aiuteranno a capire come eliminare i brufoli in modo rapido e sicuro.

Come eliminare i brufoli

Otto semplici consigli che vi aiuteranno a capire come eliminare i brufoli:

  1. Anche se molto allettante, non schiacciate i brufoli! Schiacciandoli diffonderete i batteri e gli oli che sono la prima causa della formazione dei brufoli. Lo scenario peggiore è che dopo uno schiacciamento possono presentarsi delle indelebili cicatrici, e di certo non vogliamo questo.
  2. Applicate un impacco di ghiaccio sulla zona del brufolo ogni 30 minuti. Tenetelo sulla parte in questione per circa due minuti. Il freddo diminuisce il rossore e il gonfiore. Tale tecnica è molto utile anche per contribuire ad alleviare il dolore che accompagna a volte un brufolo.
  3. Cercate una crema che contiene il perossido di benzoile o acido salicilico. Se non ne siete in possesso, qualunque negozio di cosmetici o anche farmacie hanno un sacco di creme che contengono questi farmaci. Una volta acquistata la crema mettetene una piccola quantità sulla zona infetta. Siate consapevoli del fatto che queste creme tendono a seccare la pelle soprattutto quelle molto sensibili.
  4. Se avete la necessità di eliminare il brufolo velocemente, nascondetelo! Andate in farmacia o in un negozio di cosmetici e cercate una copertura di qualche tipo.
  5. Cercare un sapone o un detergente speciale ideato proprio per l’acne. Di solito è inodore e non ha sostanze chimiche aggressive come la liscivia. Lavate la pelle 2 o 3 volte al giorno. Strofinate delicatamente la pelle e la zona infetta con un panno o pad esfoliante.
  6. Il trucco può essere un problema. Il consiglio è di utilizzare trucchi che non posseggono oli. Rimuovete sempre il trucco ogni notte e pulire la zona del brufolo con il sapone specifico (come appena detto nel punto 5).
  7. Se non avete mai sentito parlare di questo sistema rimarrete sorpresi. Mettere una piccola quantità di dentifricio sul brufolo interessato. Il bianco del dentifricio tende a nascondere il rossore del brufolo e gli ingredienti del dentifricio aiuto a ridurre l’irritazione e il rossore.
  8. Due semplici articoli per la casa possono fare al caso nostro: una bustina di tè e il succo di limone. Immergete la bustina di tè in acqua bollente, fatela raffreddare e premetela sulla zona brufolo. Si potrebbe anche spremere la bustina di tè su un batuffolo di cotone e tenere premuto il batuffolo di cotone sulla zona del brufolo. Il succo di limone invece, può essere applicato sul brufolo per ridurre il gonfiore e l’arrossamento. Anche in questo caso, potete utilizzare un batuffolo di cotone per semplificare la manovra. Utilizzare i limoni veri, non il succo di limone in una bottiglia.

Se si seguono questi semplici consigli, si noterà molto velocemente un netto miglioramento. L’ultimo consiglio è quello di consultare un dermatologo che vi potrebbe suggerire una mirata pulizia della pelle e capire quale cura faccia più al caso vostro.

Come trattare l’acne

L’acne, diffusa soprattutto tra i giovani è una vera propria malattia della pelle, che può essere dovuta a cause organiche, soprattutto ormonali, ma anche psicologiche o ambientali. Un cosmetico, quindi, non può guarire l’acne, anche se dà un supporto indispensabile all’igene delle pelle acneica, particolarmente importante per evitare che la malattia si aggravi.

Nel trattamento cosmetico dell’acne si utilizzano le seguenti sostanze:

  • tensioattivi per la pulizia;
  • antimicrobici, con azione dermopurificante;
  • cheratoplastici o riducenti, per diminuire lo strato corneo eccessivo, tipico della pelle asfittica;
  • vitamine, per esempio la A e i suoi derivati, per la sua azione ammorbidente, la H (biotina) e lipidi insaturi essenziali, in generale mancanti nella pelle acneica;
  • sostanze assorbenti ed essicanti;
  • sostanze leviganti, come urea, allantoina o acido lattico;
  • seboregolatori come gli amminoacidi solforati.

È particolarmente importante scegliere detergenti con pH acido (syndet). Questi possono anche contenere zolfo, catrame di Norvegia, oli essenziali, estratti vegetali con proprietà astringenti con bardana, ratania, tormentilla, salvia.
Per la pulizia del mattino il syndet può essere di tanto in tanto sostituito con una crema detergente dall’effetto leggermente abrasivo (dovuto, in genere, all’azione meccanica di piccole particelle ruvide).
Alla sera la pulizia va eseguita con latti detergenti a pH acido. Bisogna prestare particolarmente attenzione alla loro composizione: vanno banditi gli oli minerali; sono utili invece le emulsioni basate su oli vegetali come soia, olivo, vinaccioli sempre con l’aggiunta di zolfo.

Dopo la pulizia va applicata una lozione purificante. I tonici per pelli acneiche possono essere di tipo analcolico o idroalcolico. In genere contengono acqua distillata di Hamamelis o di rose e estratti vegetali di bardana, viola, farfara, cetriolo, limone, salvia, rosmarino, tormentilla, lichene islandico, nonché zolfo solubile.
L’azione purificante può essere aumentata con l’aggiunta di sostanze antimicrobiche come acido usnico o sali di ammonio quaternario.

Alla sera si userà una crema normalizzante di tipo semigrasso contenente steroli, squalano, insaponificabili, vitamine A, E, F  ed estratti placentari. Anche la crema usata durante il giorno sarà normalizzante oltre che protettiva: di tipo evanescente, non grassa, a reazione acida, leggermente opacizzante e asciugante.

Periodicamente si possono applicare maschere astringenti in pasta (componenti tipici: bentonite, caolino, calamina, ossido di zinco). Quando in un punto della pelle si manifesta l’arrossamento che preannuncia formazione di un foruncolo, si può strofinare sulla parte uno stick antisettico, lenitivo, astringente, essiccante, purificante o anche semplicemente coprente.

Sapere Come Fare

Scritto da Sapere Come Fare

Come fare? Sapere come fare ti aiuterà a rispondere ad ogni tua domanda sul come fare. Sapere-come-fare.it la risposta ad ogni tua domada.

4 Comments

  1. Pingback: Come curare il viso | Sapere Come Fare -

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *