Come ottenere i permessi di root su Samsung Galaxy S3

Scritto da in data 25 Maggio 2013

In questa guida scopriremo come ottenere i permessi di root su Samsung Galaxy S3, in modo da poter usufruire di tutta una serie di applicazioni dedicate al telefono, ma inaccessibili senza i permessi di amministratore.

Uno degli obiettivi che questa guida si prefigge di ottenere è quello di utilizzare i permessi di root per preparare il vostro device all’installazione di una Custom recovery, mediante la quale sarà, successivamente, possibile procedere all’installazione di ROM custom, una fra tutte, la famosissima Cyanogenmod 10.1 basata su Android 4.2.2 Jelly Bean.

Ottenere i permessi di root del vostro samsung galaxy s3 vi consentirà, tra le altre cose, di effettuare backup approfonditi dei vostri dati, garantendovi l’accesso ai file protetti del vostro device, riuscendo anche a modificare determinate funzionalità ed a personalizzare appieno il vostro sistema operativo Android.

Prima di iniziare con la guida è necessaria una premessa: benché si tratti di un’operazione testata in tantissimi contesti, si tratta comunque di un’attività delicata, che coinvolge il “cuore” del sistema operativo del dispositivo (il kernel), dal momento che quella che verrà effettuata è una modifica dei permessi delle cartelle di sistema, con relativa garanzia di accesso, pertanto tutto va fatto con estrema cautela.

ATTENZIONE: la presente guida è stata più volte testata sul modello Galaxy S3 più diffuso, ovvero il “Samsung Galaxy S III GT-I9300 International version (Itl)”; pertanto un suo impiego su un qualsiasi modello diverso da quello sopracitato è fortemente sconsigliato, poiché potrebbe portare problemi di operatività del device (brick), pertanto la si consiglia solo a chi sappia veramente ciò che sta facendo. Per tutti i dettagli relativi ai modelli ed ai relativi codici prodotto, vi invito a dare uno sguardo sul forum di riferimento internazionale XDA-DEVELOPER; ad ogni modo, stando alla mia personale esperienza, tutti i Samsung Galaxy GT-I9300 venduti in Italia tramite operatori telefonici (Tim, H3G ecc..) sono adeguati al processo qui descritto, ma la prudenza non è mai troppa.

Root Android

Come ottenere i permessi di root su Samsung Galaxy S3:

Per prima cosa occorre controllare di possedere i “requisiti minimi” per l’operazione, ovvero:

  • Un PC con una versione di Windows tra le più recenti (da Windows Xp a Windows 8)
  • In alternativa (per utenti sia Mac che Linux) una macchina virtuale con il suddetto sistema operativo installato e testato
  • Il famoso software Samsung Odin v3.07, scaricabile tramite questo link: ODIN (versione testata e funzionante)
  • Il programma originale di interfacciamento per il vostro dispositivo, ovvero Samsung Kies, scaricabile (tramite il link al sito ufficiale) da QUI
  • I file di Auto root, necessari per la modifica dei permessi, scaricabili da QUI (dalla posizione evidenziata nell’immagine seguente)
CF-Root download

Pagina da cui scaricare i file di Auto root

STEP 1

Iniziamo installando il software Samsung Kies che, oltre ad un’utile suite di strumenti che potrete usare per trasferire dati da/verso il vostro telefono, provvede l’installazione automatica dei Driver del vostro dispositivo sul vostro PC (fondamentali per la buona riuscita dell’operazione).

L’installazione richiede il riavvio del PC, quindi armatevi di pazienza e procedete attraverso i passi che l’installer vi propone, facendo attenzione, al termine dell’operazione, a selezionare la casella relativa all’installazione dei Common Driver sul vostro PC (vi si chiederà anche se installare Kies WIFI, io non lo consiglio perché è davvero invadente e pesante).

Una volta installato Kies (con i relativi Driver) il mio consiglio è quello di fare un semplice test di funzionalità (opzionale per i più pratici), collegando via USB il telefono al PC e lasciando che questo venga riconosciuto e che i suoi driver vengano aggiornati. La buona riuscita di questa operazione coincide con la possibilità di accedere, via Explorer, ai dati del telefono; fatto questo, scollegate il telefono e passate al prossimo step.
In caso il telefono non venga riconosciuto e la finestra del suo contenuto non si apra, seguite le istruzioni proposte da windows per il fix dei driver (anche se certamente non sarà necessario) e, eventualmente, disintallate e reinstallate Kies.

STEP2

Il prossimo passo consiste nell’adoperare Odin per caricare i file di Auto Root nel vostro dispositivo, grazie ai quali otterrete i permessi di root e sbloccherete le potenzialità del vostro device.

Per raggiungere l’obiettivo procedete scompattando i file dell’archivio di Odin e quelli di CF Auto Root in una cartella a vostra scelta (consiglio di crearne una per l’occasione).

Lanciate Odin facendo click con il tasto destro su Odin3 v3.07  e selezionate “Esegui Come Amministratore” (voce presente sui sistemi Windows da Vista a 8)

Cliccate sul pulsante PDA e, dalla finestra che si apre, selezionate il file  CF-Auto-Root-m0-m0xx-gti9300.tar.md5 presente nel file compresso CF-Auto-Root precedentemente scaricato.

A questo punto controllate ATTENTAMENTE che la voce “Re-Partition” NON sia spuntata e che solo le voci “Auto Reboot” e “F. Reset Time” SIANO spuntate (cosa che dovrebbe essere avvenuta in automatico, ma è importante esserne certi); per un ulteriore controllo accertatevi che nella casella affianco la voce PIT non ci sia scritto nulla.

Vi dovreste trovare nella situazione mostrata nell’immagine seguente

Samsung Odin

Odin pronto all’uso

STEP 3

A questo punto inizia il vero processo di root; spegnete il vostro telefono e procedete ad entrare in Download Mode tenendo premuti contemporaneamente i tasti: HOME+POWER+VOLUME GIÙ.

Una volta che il telefono si sarà avviato premete il pulsante VOLUME SU e poi HOME per confermare di voler entrare in Download Mode

Download mode

Passi per entrare in download mode

(Per vostra pura curiosità, una volta entrati in download mode noterete la scritta ODIN in rosso in alto nello schermo del telefono, questo perché la procedura che state seguendo non è frutto del lavoro di hacker esperti o di maghi della tecnologia, semplicemente si tratta di un procedimento che Samsung stessa esegue sui propri device per test e per correzione di errori)

Se tutto è andato bene vedrete il telefono nella situazione mostrata dall’immagine precedente.

STEP 4

Assicuratevi che Kies NON sia attivo (controllando anche nella barra dell’orologio) e che solo Odin sia in esecuzione sul PC.

Solo adesso che il vostro Galaxy S3 è in download mode e che Odin è pronto potete procede a collegare via USB il telefono al PC e, se tutto è andato per il verso giusto (e sicuramente lo sarà), Odin rileverà il dispositivo, indicandovi, in alto a sinistra, un COM device collegato.

Per una sicurezza completa, controllate che nessuna spunta sia cambiata dalle caselle precedentemente selezionate (soprattutto che la voce “Re-Partition” sia sempre NON spuntata) e, finalmente, cliccate sul pulsante START.

Dopo massimo un minuto l’operazione lato PC sarà terminata e nella textbox di Odin potrete leggere che il processo è concluso, questo comporterà un riavvio automatico del vostro telefono che procederà autonomamente all’accettazione dei file di Auto-root e alla loro installazione.

In moltissimi casi il telefono, dopo essersi riavviato in recovery mode, avrà bisogno di riavviarsi automaticamente ancora una volta, quindi non preoccupatevi. L’intero processo durerà al massimo qualche minuto.

Una volta che il vostro device si sarà riavviato in Normal Mode il processo sarà concluso e potrete scollegarlo dal PC; per verificare che tutto sia andato per il verso giusto potete entrare nelle Impostazioni del telefono, scorrere fino alla fine, all’ultima voce “Informazioni generali”, entrare in “Stato” e controllare che la voce “Stato dispositivo” riporti la dicitura “Modificato”, come mostra l’immagine successiva.

Stato device

Stato device: Modificato

Congratulazioni, avete un telefono completamente sbloccato sul quale potete prendere completo controllo.

Scritto da Gianluca Porcino

36 Comments

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *