Cosa succede se il mio locatore non rispetta il contratto?

Salve, grazie per aver visitato il nostro blog. Oggi vi proponiamo un’analisi dettagliata Cosa succede se il mio locatore non rispetta il contratto?

Firmando un contratto di locazione, sia il proprietario che l’inquilino si impegnano a rispettare le clausole ivi stabilite. Tuttavia, a volte possono sorgere problemi quando una delle parti non rispetta quanto concordato. Nelle righe seguenti spieghiamo cosa puoi fare se il tuo padrone di casa non rispetta il contratto.

È importante che tu sappia che se il proprietario non rispetta gli obblighi stabiliti nel contratto, hai il diritto di reclamare. Tuttavia, prima di intraprendere un’azione legale, è consigliabile cercare di risolvere amichevolmente il problema.

Se, dopo aver parlato con il padrone di casa, non si arriva a una soluzione, è necessario rivolgersi a un legale per capire quali sono le proprie opzioni. Di seguito, spieghiamo le domande più frequenti su questo argomento.

Quali obblighi ha il locatore?

Il locatore ha diversi obblighi che devono essere adempiuti secondo quanto stabilito nel contratto. Tra i principali ci sono:

Cosa succede se il mio locatore non rispetta il contratto?
  • Mantenere la casa e le strutture che sono state incluse nel contratto in buone condizioni.
  • Fai le riparazioni necessarie alla casa.
  • Rispettare i termini di pagamento stabiliti nel contratto.
  • Non interrompere il godimento della casa da parte dell’inquilino.
Potresti essere interessato a  Cosa succede se non paghi l'affitto

Se il proprietario non rispetta nessuno di questi obblighi, l’inquilino può reclamare e chiedere una soluzione.

Come posso reclamare se il mio padrone di casa non rispetta il contratto?

Se il padrone di casa non rispetta nessuno degli obblighi previsti dal contratto, la prima cosa da fare è parlargli per cercare di raggiungere una soluzione amichevole. Se dopo aver parlato non riesci a raggiungere un accordo, puoi intraprendere un’azione legale.

In tal senso, si consiglia di farsi consigliare da un avvocato specializzato in diritto di locazione. Questo professionista ti aiuterà a sapere quali opzioni devi rivendicare e come dovresti agire.

Tra le misure legali che possono essere prese ci sono:

  • Reclamo stragiudiziale: consiste nell’invio di un burofax al locatore affinché rispetti gli obblighi stabiliti nel contratto.
  • Reclamo giudiziale: nel caso in cui il reclamo extragiudiziale non funzioni, è possibile intentare una causa in tribunale affinché il proprietario rispetti le disposizioni del contratto.
  • Risoluzione del contratto: se l’inadempimento del locatore è grave, il locatario può risolvere il contratto.

Cos’è la risoluzione del contratto?

La risoluzione del contratto è un provvedimento che può essere adottato nel caso in cui il locatore non rispetti gli obblighi stabiliti nel contratto. Questa è una misura estrema che può essere adottata solo quando la violazione è grave.

Potresti essere interessato a  Cosa succede se un appartamento non ha un certificato di abitabilità

In caso di risoluzione del contratto, il locatario ha il diritto di recuperare la cauzione e il locatore deve risarcire il locatario dei danni causati. Inoltre, il proprietario deve restituire l’affitto pagato in anticipo e pagare un risarcimento nel caso in cui sia stato concordato nel contratto.

Cosa devo fare se il mio padrone di casa non restituisce la mia caparra?

Nel caso in cui il padrone di casa non restituisca la caparra, la prima cosa da fare è presentare un reclamo amichevole. Se il proprietario continua a non restituirti la caparra, puoi intraprendere un’azione legale.

In tal senso si può intentare causa in tribunale per pretendere la restituzione della caparra. Inoltre, se si dimostra che il locatore ha agito in malafede, deve risarcire il locatario.

È importante che tu sappia che il termine massimo per richiedere la cauzione è di cinque anni dalla fine del contratto.

Ricapitolazione

In questo modo, se il tuo padrone di casa non rispetta il contratto, hai diverse opzioni per reclamare. La prima cosa da fare è parlare con il proprietario per cercare di raggiungere una soluzione amichevole. Se non si raggiunge un accordo, è consigliabile richiedere una consulenza legale per sapere quali opzioni si hanno e come si dovrebbe agire.

Torna in alto