Cosa succede se l’Agenzia delle Entrate non risponde entro 6 mesi

Benvenuti nel nostro spazio virtuale. Oggi vi illustreremo Cosa succede se l’Agenzia delle Entrate non risponde entro 6 mesi

In molte occasioni, quando svolgiamo procedure con il Tesoro, ci accorgiamo di non ricevere una risposta da questo organismo entro un ragionevole lasso di tempo. La domanda che ci poniamo allora è: cosa succede se il Tesoro non risponde entro 6 mesi?

In questo articolo risolveremo questa e altre domande frequenti su questo problema.

Quanto tempo ha il Tesoro per rispondere?

Secondo la Legge Tributaria Generale, il Tesoro ha un termine massimo di 6 mesi per risolvere qualsiasi richiesta o ricorso che venga presentato a questo organo. Tale termine inizia a decorrere dalla data di presentazione della richiesta o del ricorso.

Se trascorso tale termine l’erario non ha risposto, si intende che la domanda o il ricorso sono stati respinti per silenzio amministrativo. In altre parole, si può interpretare che il Tesoro abbia emesso una delibera tacita che rigetta la nostra richiesta.

Cosa succede se l'Agenzia delle Entrate non risponde entro 6 mesi

È interessante considerare che non tutte le richieste oi ricorsi hanno lo stesso termine di risoluzione. In alcuni casi, il termine può essere maggiore o minore dei 6 mesi stabiliti dalla Legge Tributaria Generale. Pertanto, è importante consultare le normative specifiche che regolano ogni caso specifico.

Cosa significa silenzio amministrativo?

Il silenzio amministrativo è una figura giuridica che si utilizza quando una pubblica amministrazione non risponde ad una richiesta o ad un ricorso entro il termine stabilito. In tal caso, resta inteso che l’amministrazione ha emesso tacito provvedimento di rigetto della domanda dell’interessato.

Potresti essere interessato a  Cosa succede se si deve del denaro alla banca

In campo tributario, il silenzio amministrativo ha effetti diversi a seconda del tipo di procedimento. In alcuni casi, il silenzio è inteso come deliberazione istruttoria, cioè che la domanda dell’interessato sia stata accolta. In altri casi, come abbiamo visto, il silenzio è inteso come delibera di licenziamento.

È certamente importante che il silenzio amministrativo possa essere impugnato anche dall’interessato. In tal caso l’interessato può proporre ricorso entro un mese dal silenzio amministrativo che si intende intervenuto. Questa risorsa è chiamata risorsa sostitutiva e il suo obiettivo è quello di contestare la risoluzione tacita avvenuta a causa del silenzio amministrativo.

Cosa fare se il Tesoro non risponde entro 6 mesi?

Se il Tesoro non risponde entro 6 mesi, la prima cosa che dobbiamo fare è verificare che la domanda o il ricorso sia stato presentato correttamente e che sia stato presentato entro il termine stabilito. Se tutto è corretto, possiamo capire che il Tesoro ha respinto la nostra richiesta di silenzio amministrativo.

In tal caso si può presentare ricorso sostitutivo entro un mese dal silenzio amministrativo che si intende intervenuto. Tale ricorso deve essere presentato allo stesso organo che ha emesso il tacito provvedimento.

Se il ricorso per la reintegrazione non ha esito positivo, possiamo presentare ricorso contenzioso-amministrativo innanzi al competente Tribunale Economico-Amministrativo Regionale (TEAR). Tale ricorso deve essere presentato entro il termine di due mesi dalla notifica della deliberazione tacita o dalla notifica della deliberazione espressa di rigetto del ricorso per revocazione.

Potresti essere interessato a  Cosa succede se non presento la dichiarazione dei redditi

Quali sono le conseguenze del silenzio amministrativo?

Il silenzio amministrativo ha conseguenze diverse a seconda del tipo di procedimento. In ambito tributario, come abbiamo visto, il silenzio amministrativo può essere inteso come delibera di licenziamento, cioè che la domanda dell’interessato sia stata respinta.

In tal caso, l’interessato può depositare i relativi ricorsi per impugnare la deliberazione tacita intervenuta per silenzio amministrativo. Se la delibera di licenziamento viene definitivamente confermata, l’interessato deve adempiere agli obblighi fiscali derivanti da tale delibera.

Vediamo che è rilevante che il silenzio amministrativo non implichi che ci sia stato un errore o una negligenza da parte dell’amministrazione. Semplicemente, è una figura giuridica che viene utilizzata quando l’amministrazione non risponde entro il termine stabilito.

Torna in alto