Cosa succede se l’amministratore non convoca l’assemblea

Ciao, benvenuti! Siamo entusiasti di condividere con voi nel nostro post di oggi Cosa succede se l’amministratore non convoca l’assemblea

In qualità di proprietario di una casa o di locali in una comunità di proprietari, è importante conoscere gli obblighi dell’amministratore e le conseguenze che possono derivare se non adempie ai propri doveri. Uno dei compiti più importanti dell’amministratore è quello di convocare le assemblee dei proprietari, poiché è in esse che si prendono le decisioni importanti per la comunità. Ma cosa succede se l’amministratore non convoca una riunione?

In questo post rispondiamo alle domande più frequenti su cosa succede se l’amministratore non convoca una riunione e quali sono le opzioni dei proprietari.

È importante notare che, sebbene l’amministratore sia responsabile della convocazione delle riunioni dei proprietari, qualsiasi proprietario può anche richiedere la convocazione di una riunione se lo ritiene necessario.

Quali obblighi ha l’amministratore nella convocazione delle riunioni?

L’amministratore ha l’obbligo di convocare le assemblee dei proprietari periodicamente, almeno una volta all’anno, e ogni qualvolta si renda necessario per trattare questioni importanti per la collettività. A tal fine è necessario inviare una comunicazione scritta ai titolari, indicando il giorno, l’ora e il luogo dell’adunanza, nonché gli argomenti da trattare all’ordine del giorno.

Cosa succede se l'amministratore non convoca l'assemblea

La convocazione deve essere inviata con almeno sei giorni lavorativi di anticipo, e deve essere allegata copia del verbale dell’ultima assemblea tenutasi, in modo che i titolari possano essere a conoscenza degli argomenti precedentemente trattati.

Potresti essere interessato a  Cosa succede se il garante muore

Se l’amministratore non adempie a questi obblighi, può essere sanzionato dalla comunità o anche rimosso dal suo incarico se viene accertato che ha violato gravemente i suoi doveri.

Quali opzioni hanno i proprietari se l’amministratore non convoca una riunione?

Se l’amministratore non convoca una riunione e non ci sono problemi urgenti da affrontare, i proprietari possono attendere la prossima chiamata per risolvere i problemi in sospeso.

Tuttavia, se i proprietari ritengono che sia necessario affrontare questioni importanti per la comunità e l’amministratore non convoca una riunione, possono richiedere di convocare una riunione per conto proprio. A tal fine devono riscuotere almeno il 25% delle quote di partecipazione e presentare domanda scritta all’amministratore, indicando gli argomenti da trattare e la data e il luogo dell’adunanza.

Se l’amministratore non convoca una riunione e non ci sono problemi urgenti da affrontare, i proprietari possono attendere la prossima chiamata per risolvere i problemi in sospeso.

Cosa succede se l’amministratore continua a non convocare una riunione?

Se il gestore continua a non convocare una riunione nonostante le richieste dei proprietari, i proprietari possono intraprendere azioni legali per costringere il gestore a rispettare i propri obblighi.

Un’opzione è andare da un giudice per ordinare all’amministratore di convocare una riunione. Per fare ciò sarà necessario dimostrare che sono state fatte le necessarie richieste e che l’amministratore si è rifiutato di convocare l’assemblea.

Potresti essere interessato a  Cosa succede se non paghi l'affitto

Un’altra opzione è rimuovere l’amministratore e nominarne un altro al suo posto. Per questo sarà necessario convocare un’assemblea straordinaria dei proprietari e approvare la revoca dell’amministratore a maggioranza dei voti dei proprietari presenti o rappresentati.

In ogni caso, è importante che i proprietari siano consapevoli dei propri diritti e doveri in relazione alle assemblee dei proprietari e siano disposti ad agire se il gestore non adempie ai propri doveri.

Torna in alto