Cosa succede se si rifiuta un’offerta di lavoro dall’INEM

Salve, grazie per aver scelto di visitare il nostro blog. Nel post di oggi, scoprirete Cosa succede se si rifiuta un’offerta di lavoro dall’INEM

Il servizio pubblico statale per l’impiego (SEPE), precedentemente noto come INEM, è l’organismo responsabile della gestione delle indennità di disoccupazione e della ricerca di lavoro in Spagna. Quando una persona è disoccupata, deve iscriversi al SEPE e cercare attivamente lavoro. In questo processo, la SEPE potrebbe proporti offerte di lavoro che, in alcuni casi, potrebbero essere rifiutate. Quali sono le conseguenze del rifiuto di un’offerta di lavoro SEPE? In questo articolo lo spieghiamo.

È obbligatorio accettare tutte le offerte di lavoro offerte da SEPE?

No. Il SEPE non può costringere una persona ad accettare un’offerta di lavoro. Tuttavia, se la persona rifiuta un’offerta senza giustificato motivo, può perdere il diritto a ricevere l’indennità di disoccupazione per un certo periodo di tempo. Il tempo di sospensione dipenderà dal numero di offerte respinte e dalla situazione personale e lavorativa della persona.

Secondo la normativa SEPE, si considera che una persona abbia rifiutato un’offerta di lavoro se:

  • Non si presenta ad un colloquio di lavoro organizzato da SEPE.
  • Non si presenta ad un lavoro offerto da SEPE senza giusta causa.
  • La cessazione dal lavoro senza giusta causa prima della scadenza di un determinato periodo.
  • Non comunica con la SEPE per accettare o rifiutare un’offerta di lavoro entro il termine stabilito.
Potresti essere interessato a  Cosa succede se non pago il debito bancario

Quali sono le conseguenze del rifiuto di un’offerta di lavoro SEPE?

Se una persona rifiuta un’offerta di lavoro SEPE senza giustificato motivo, può perdere il diritto a ricevere l’indennità di disoccupazione per un certo periodo di tempo. La durata della sospensione dipenderà dal numero di offerte respinte e dalla situazione personale e lavorativa della persona.

Cosa succede se si rifiuta un'offerta di lavoro dall'INEM

Nello specifico, il regolamento SEPE stabilisce che:

  • Nel caso in cui la persona abbia rifiutato per la prima volta un’offerta di lavoro senza giustificato motivo, il diritto alla riscossione dell’indennità di disoccupazione sarà sospeso per un mese.
  • Se l’interessato ha rifiutato due offerte di lavoro senza giustificato motivo, il diritto all’indennità di disoccupazione viene sospeso per due mesi.
  • Se l’interessato ha rifiutato tre o più offerte di lavoro senza giustificato motivo, il diritto alla riscossione dell’indennità di disoccupazione viene sospeso per un periodo di tempo che può variare da tre mesi a un anno.

Quale è considerato un motivo giustificato per rifiutare un’offerta di lavoro SEPE?

La SEPE riconosce come giustificati motivi per rifiutare un’offerta di lavoro:

  • Che l’offerta di lavoro non si adatti al profilo professionale della persona.
  • Che l’offerta di lavoro sia in una località diversa dalla residenza dell’interessato e non vi siano mezzi di trasporto pubblico che consentano gli spostamenti.
  • Che la persona abbia un’offerta di lavoro con migliori condizioni di lavoro (salario, orario, tipo di contratto, ecc.).
  • Che la persona abbia un impedimento fisico o psichico che le impedisca di svolgere il lavoro offerto.
  • Che la persona si trovi in ​​una situazione personale o familiare che le impedisce di accettare il lavoro offerto (assistenza ai figli minori, assistenza agli anziani, ecc.).
Potresti essere interessato a  Cosa succede se si perde un giorno di lavoro per malattia?

Cosa devo fare se non sono d’accordo con un’offerta di lavoro SEPE?

Nel caso in cui una persona non sia d’accordo con un’offerta di lavoro SEPE, può presentare un reclamo entro 10 giorni lavorativi dalla data dell’offerta. La domanda deve essere presentata per iscritto all’ufficio SEPE che ha gestito l’offerta di lavoro.

Nella domanda, la persona deve indicare i motivi per cui ritiene che l’offerta di lavoro non sia adatta al proprio profilo professionale o non sia adatta alla propria situazione personale o lavorativa. La SEPE analizzerà il reclamo e, se lo riterrà giustificato, ritirerà l’offerta di lavoro.

Torna in alto